99 Icone da segno a sogno
dal 1 ° dicembre 2007 prorogata al 6 aprile 2008


99 oggetti simbolo del Made in Italy, dalle Ballerine Porselli (1778) alla Nuova Fiat 500 (2007), passando per i “classici” disegnati da grandi maestri per la moda, la tavola, la luce, la casa e il tempo libero. Una selezione di oggetti entrati a far parte del mondo del design internazionale ma allo stesso tempo oggetti vivi e utili, presenti nelle case di tutti, riuniti con l’obiettivo di raccogliere fondi a sostegno delle iniziative di Cesvi per i bambini di favela.

Organizzata dal Centro Ricerche Enrico Baleri e curata da Enrico Baleri e Luigi Baroli, l’esposizione riunisce 99 piccoli grandi capolavori rappresentativi di uno stile che ha reso celebre e inconfondibile in tutto il mondo il design italiano. Sono alcuni degli oggetti cult del Made in Italy, testimoni d’eccezione della creatività, della ricerca e dell’innovazione del genio italico applicato, soprattutto, alla moda e al design. La mostra, dopo la presentazione a Bergamo, diventerà itinerante in Italia e all’estero, raggiungendo alcune capitali italiane del design, a cominciare da Milano e Torino.

Obiettivo primario della mostra è la raccolta di fondi che andranno a finanziare il progetto di Cesvi - organizzazione umanitaria indipendente fondata nel 1985 a Bergamo e oggi attiva in oltre 30 Paesi nel mondo - a sostegno della Casa del Sorriso di Rio de Janeiro, dove CESVI segue bambini e ragazzi di favela con attività di formazione, socializzazione, assistenza legale e recupero sociale attraverso le arti plastiche e figurative. I prodotti esposti, donati dalle aziende produttrici, potranno essere acquisiti in due modi: il visitatore potrà prenotare il pezzo esposto direttamente in mostra e acquisirlo attraverso una donazione al Cesvi pari o superiore al prezzo di listino. Oltre agli oggetti esposti, è comunque possibile acquisire il prodotto desiderato prenotandolo in mostra e poi ritirandolo presso i rivenditori del territorio che hanno aderito all’iniziativa, i quali devolveranno a Cesvi una percentuale del ricavato.

Bergamo - Accademia Carrara, Piazza Giacomo Carrara 82
GAMeC - Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea, via S. Tomaso 53

Inaugurazione al pubblico: sabato 1° dicembre, ore 17 - 21 > Accademia Carrara e GAMeC

ORARI DI VISITA
Orari: 10 - 13 e 14.30 - 17.30.
Chiuso lunedì. Chiuso Natale e Capodanno.

INGRESSO
Ingresso: Accademia Carrara 2.60 €, gratuito la domenica e i festivi
GAMeC gratuito (Ingresso mostra “Il Futuro del Futurismo” € 8)

PER INFORMAZIONI
Informazioni al pubblico: Centro Ricerche Baleri, tel. 035.215881

>>Scarica la presentazione della mostra in formato .pdf (108 Kb)



home